Novartis
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
OncoHub

Effetto della fotobiomodulazione sulla neuropatia periferica indotta da chemioterapia


La neuropatia periferica indotta da chemioterapia è un comune effetto collaterale della terapia antitumorale con pochi trattamenti efficaci.

Sono stati registrati 70 pazienti con neuropatia periferica indotta da chemioterapia in uno studio cross-over randomizzato, in doppio-cieco, controllato con simulazione, per determinare se la fotobiomodulazione con o senza fisioterapia riduce i sintomi della neuropatia rispetto al trattamento simulato.
Alla conclusione del follow-up, i pazienti nel braccio di simulazione sono passati a un terzo braccio che combinava fotobiomodulazione e fisioterapia per determinare se il trattamento multimodale avesse effetti addizionali.

Il trattamento ha compreso sessioni di 30 minuti 3 volte alla settimana per 6 settimane utilizzando una terapia con fotobiomodulazione o simulata.

La neuropatia è stata valutata usando il punteggio alla scala mTNS ( modified total neuropathy score ) all'inizio e 4, 8 e 16 settimane dopo l'inizio del trattamento.

I pazienti trattati con simulazione non hanno presentato cambiamenti significativi nei punteggi mTNS in qualsiasi momento durante l'analisi primaria.

I pazienti sottoposti a fotobiomodulazione hanno registrato una significativa riduzione dei punteggi mTNS in tutti i momenti temporali.

Le variazioni medie del punteggio mTNS ( e i corrispondenti cali percentuali rispetto al basale ) per i pazienti nel gruppo di simulazione e nel gruppo fotobiomodulazione sono state rispettivamente: 0.1 ( -0.7% ) e 4.2 ( -32.4% ) a 4 settimane ( P minore di 0.001 ) 0.2 ( 0.0% ) e -6.8 ( -52.6% ) a 8 settimane ( P minore di 0.001 ) e 0.0 ( 0.1% ) e –5.0 ( -38.8% ) a 16 settimane ( P minore di 0.001 ).

I pazienti passati al gruppo fotobiomodulazione / fisioterapia hanno riscontrato risultati simili a quelli trattati per primi; i cambiamenti nel punteggio mTNS dal basale sono stati: -5.5 ( -40.6% ) a 4 settimane ( P minore di 0.001 ), -6.9 ( -50.9% ) a 8 settimane ( P minore di 0.001 ) e -4.9 ( -35.9% ) a 16 settimane ( P minore di 0.001 ).

L'aggiunta di fisioterapia non ha migliorato i risultati rispetto alla sola fotobiomodulazione.

In conclusione, tra i pazienti con neuropatia periferica indotta da chemioterapia, la fotobiomodulazione ha prodotto una riduzione significativa dei sintomi della neuropatia. ( Xagena2017 )

Argenta PA et al, Gynecologic Oncology 2017; 144: 159-166

Xagena_OncoGinecologia_2017



Indietro