Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGinecologia
Tumore prostata

KEYNOTE-355: Pembrolizumab + chemioterapia versus placebo + chemioterapia per carcinoma mammario triplo negativo inoperabile, localmente ricorrente o metastatico non-trattato in precedenza


La monoterapia con Pembrolizumab ( Keytruda ) ha mostrato promettenti attività antitumorale e sicurezza gestibile nelle pazienti con carcinoma mammario triplo negativo ( TNBC ), metastatico, in KEYNOTE-012, -086 e -119.

KEYNOTE-355 ha confrontato Pembrolizumab + chemioterapia rispetto a placebo + chemioterapia per tumore TNBC inoperabile, ricorrente localmente avanzato o metastatico, non-trattato in precedenza.

I pazienti con 6 mesi o più di intervallo libero da malattia ( DFI ) sono stati randomizzati in un rapporto 2:1 a Pembrolizumab + chemioterapia ( nab-Paclitaxel; Paclitaxel; o Gemcitabina / Carboplatino ) oppure a placebo + chemioterapia per un massimo di 35 somministrazioni di Pembrolizumab / placebo o fino a progressione / tossicità intollerabile.

I pazienti sono stati stratificati per tipo di chemioterapia ( taxano versus Gemcitabina / Carboplatino ), stato di PD-L1 ( CPS maggiore o uguale a 1 o CPS inferiore a 1 ) e trattamento precedente (neo)adiuvante con chemioterapia della stessa classe ( sì versus no ).

Gli endpoint primari erano: sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) ( RECIST v1.1, revisione centrale indipendente in cieco ) e sopravvivenza globale ( OS ) mediante espressione di PD-L1 del tumore ( CPS maggiore o uguale a 10 e CPS maggiore o uguale a 1 ) e in tutti i pazienti.

A partire dall'11 dicembre 2019, il follow-up mediano è stato pari a 17.5 mesi per Pembrolizumab + chemioterapia ( n=566 ) e di 15.5 mesi per la chemioterapia ( n=281 ).

La combinazione Pembrolizumab e chemioterapia ha significativamente migliorato la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla sola chemioterapia nei pazienti con CPS maggiore o uguale a 10, soddisfacendo uno degli obiettivi primari definiti dal protocollo [ Pembro + Chemio ( n=220 ) vs Chemio ( n=103 ); PFS mediana: 9.7 vs 5.6 mesi; hazard ratio, HR = 0.65 ].

Sebbene il limite per un beneficio statisticamente significativo dell'associazione Pembrolizumab e chemioterapia nei pazienti con CPS maggiore o uguale a 1 non sia stato soddisfatto [ Pembro + Chemio ( n=425 ) vs Chemio ( n= 211 ); PFS mediana: 7.6 vs 5.6 mesi; HR = 0.74 ] e non sono stati eseguiti test formali secondo intention-to-treat ( ITT ), l'effetto del trattamento con Pembrolizumab è aumentato con l'arricchimento di PD-L1.

Il follow-up riguardo alla sopravvivenza globale è in corso.

Le percentuali di effetti avversi correlati al trattamento ( TEAE ) di grado 3-5 sono state del 68.1% con Pembrolizumab + chemioterapia ( 2 decessi ) vs 66.9% con chemioterapia ( 0 decessi ); le percentuali di effetti avversi immuno-mediati di grado 3-4 e le reazioni all'infusione sono state del 5.5% vs 0%.

In conclusione, Pembrolizumab in associazione a diversi approcci chemioterapici ha mostrato un miglioramento statisticamente e clinicamente significativo della sopravvivenza libera da progressione rispetto alla sola chemioterapia nei pazienti con carcinoma mammario triplo negativo ricorrente localmente avanzato, inoperabile o metastatico, in precedenza non-trattato, il cui tumore esprimeva PD-L1 ( CPS maggiore o uguale a 10 ).
La chemioterapia con Pembrolizumab è risultata generalmente ben tollerata, senza nuovi problemi di sicurezza. ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Xagena_OncoGinecologia_2020



Indietro