BMS
Lung Unit
Roche Oncologia
Novartis

MONARCH 2: analisi di sottogruppo dei pazienti trattati con Abemaciclib + Fulvestrant come terapia di prima e seconda linea per carcinoma mammario HR+, HER2- in fase avanzata


In MONARCH 2 ( M2 ), Abemaciclib ( Verzenios ), un inibitore selettivo delle chinasi ciclina-dipendenti 4 e 6 ( CDK 4/6 ), associato a Fulvestrant ( Faslodex ), ha dimostrato miglioramenti statisticamente significativi nella sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e sopravvivenza globale ( OS ) rispetto al placebo + Fulvestrant nel carcinoma mammario avanzato ( ABC ) negativo al recettore del fattore di crescita dell'epidermide umano 2 ( HER2- ), positivo ai recettori ormonali ( HR+ ).

Miglioramenti numericamente più pronunciati di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e sopravvivenza globale ( OS ) sono stati osservati nei sottogruppi con malattia viscerale e resistenza endocrina primaria.

Sono stati riportati i dati di efficacia per MONARCH 2 rispetto ai sottogruppi 1L e 2L ( ultima linea di terapia endocrina in ambiente (neo)adiuvante e metastatico, rispettivamente ).

MONARCH 2 era uno studio globale, randomizzato, in doppio cieco, di fase 3 di Abemaciclib + Fulvestrant ( N = 446 ) oppure placebo + Fulvestrant ( N = 223 ) in donne con tumore alla mammella avanzato HR+, HER2-, indipendentemente dallo stato della menopausa, e resistenza alla terapia endocrina.

I pazienti sono stati stratificati per sito di metastasi ( viscerale, solo osseo o altro ) e resistenza alla precedente terapia endocrina ( primaria versus secondaria ).
Sotto-analisi esplorative della sopravvivenza libera da progressione e della sopravvivenza globale sono state condotte tra i pazienti nella popolazione intent-to-treat ( ITT ), 1L versus 2L.

Al cut-off dei dati ( 20 giugno 2019 ), l'effetto di Abemaciclib + Fulvestrant versus placebo + Fulvestrant è stato coerente tra i sottogruppi 1L ( N = 265/133 ) e 2L ( N = 170/86 ), senza interazioni statisticamente significative per la sopravvivenza libera da progressione ( p = 0.341 ) o sopravvivenza globale ( p = 0.265 ).

Per i pazienti 1L, sono stati osservati miglioramenti nella sopravvivenza libera da progressione ( hazard ratio, HR=0.57; IC al 95%: 0.45, 0.73 ) e sopravvivenza globale ( HR=0.85; IC al 95%: 0.64, 1.14 ).

Risultati di efficacia simili sono stati osservati per i pazienti 2L ( PFS: HR=0.48; [ IC 95%: 0.36, 0.64 ]; OS: HR=0.66 [ IC 95%: 0.46, 0.94 ] ).

Gli effetti numericamente maggiori nella popolazione 1L sono stati osservati nei pazienti con fattori prognostici meno favorevoli come la terapia endocrina primaria resistente ( PFS: HR=0.40 [ IC 95%: 0.26, 0.63 ]; OS: HR=0.58 [ IC 95%: 0.35, 0.97 ] ) e malattia viscerale ( PFS: HR=0.54 [ IC 95%: 0.39, 0.73 ]; OS: HR=0.82 [ IC 95%: 0.57, 1.17 ] ).

In conclusione, il beneficio statisticamente significativo osservato nello studio MONARCH 2 è stato osservato nei pazienti 1L e 2L.
Nei pazienti 1L ( braccio Abemaciclib + Fulvestrant ) sono stati osservati miglioramenti per la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale con gli effetti più pronunciati riscontrati tra i pazienti con fattori prognostici meno favorevoli. ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Xagena_OncoGinecologia_2020



Indietro